Category Archives: Twitter

Friend or Follow? Un analisi dei modelli alla base delle reti sociali.

Sembra che Facebook sia sempre più vicino al rilascio di una funzione di “Iscrizione” all’attività di un utente, ovvero dare la possibilità di seguire un utente senza dover necessariamente stringerci amicizia, in poche parole il modello di relazione sociale asimmetrico di Twitter. Una politica molto simile è stata seguita di recente anche da Google+ in cui si può scegliere cosa condividere pubblicamente (e quindi a chiunque ti segua) e cosa soltanto ai membri delle tue cerchie.
Sia chiaro che non è nulla di ufficiale, ma questo mi ha dato modo di fare alcune riflessioni sui due modelli principali di relazioni sociali che ho sempre avuto voglia di approfondire.

Reti simmetriche ed asimmetriche

Una rete sociale (social network) è una struttura fatta di persone e relazioni tra le persone. In una rete sociale le relazioni tra gli attori possono rappresentare diverse cose. Per esempio amicizia, relazioni professionali, relazioni criminali, relazioni amorose o sessuali. Per esempio in Facebook la relazione tra le persone è quella dell’amicizia.

Per la maggior parte delle persone una rete sociale significa un servizio quale Facebook o Twitter. In realtà, lo studio delle reti sociali è molto più antico di questi servizi. I sociologi sono probabilmente i ricercatori che hanno la tradizione di studio delle reti sociali più longeva e consolidata.

Continue reading

Riots-in-Hackney-007

Le rivolte ai tempi dei SocialMedia parte 1: LondonRiots, Tunisia ed Egitto, aspettando la Cina.

#Londonriots.

Uno dei più recenti trending topic su Twitter in questi giorni, sinonimo di rivolte e disordini ma allo stesso tempo ennesima espressione delle incredibili potenzialità di unire le persone degli strumenti sociali online. E’ ben più che una tendenza o un momento di passaggio, le persone che si connettono (verbo più che mai significativo, dalla doppia valenza) sono sempre di più, in questi mesi la primavera araba ha messo tutti nella posizione di chiedersi quali effetti la tecnologia e i social media producano su comunità unite da un obiettivo comune.

È Twitter è una delle principali risorse online per tenersi aggiornati su quanto accade nel mondo ed ha svolto un ruolo fondamentale nelle proteste che hanno scosso il mondo arabo e il Medio Oriente. Prima in occasione dei primi focolai scoppiati in Egitto e in Tunisia, poi si è rivelata una fonte di informazione anche per seguire l’evolversi degli scontri e delle rivolte che hanno e stanno tutt’ora infiammando la Libia e che si sono manifestate anche in Algeria, Marocco e Yemen.

Non c’è dittatura che tenga: il messaggio abbatte la censura, aggira filtri e blocchi, ispira proteste e sostengono la ribellione di popoli oppressi dai despoti più agguerriti. Come per l’Egitto, per la Tunisia, per l’Iran e così per la Libia, con le dovute differenze, il fattore comune è unico. La protesta può arrivare ovunque anche dove non è consentito comunicare.

Continue reading

Poke the web: Costruirsi un personal brand, Twitter.

Questo post è il secondo di una brevissima serie che ho intitolato “Poke the web”, nel primo avevo introdotto i motivi per i quali conviene curare il proprio personal brand online parlando di uno degli strumenti basilari per farlo, il blog. Seguendo la scaletta dell’Ignite da cui nasce questa serie di post vi parlo del secondo strumento fondamentale per costruire la propria reputazione sul web, Twitter.

Twitter, la celebre piattaforma di microblogging ormai affermatasi come news network è il luogo migliore in cui condividere risorse, link e contenuti e allo stesso tempo trovare altri utenti che condividono i nostri interessi. Professionisti di tutto il mondo (probabilmente di ogni settore lavorativo immaginabile) quotidianamente condividono quotidianamente articoli, consigli ed esperienze personali che si rilevano spesso utili e preziose per tutti chi lavora o semplicemente si interessa del loro settore.
Con più di 100 milioni di utenti, le possibilità di networking sono pressochè infinite e entrare in contatto e partecipare a conversazioni con persone nuove ogni giorno è un altro eccellente strumento per curare il proprio personal brand online.

Essenzialmente è una piattaforma di microblogging, motivo per cui si possono applicare le stesse regole e principi che si usano quando si opera con i blog tradizionali, e quindi twittando e scrivendo costantemente in merito alle nostre conoscenze di uno specifico argomento, inizieremo ad essere visti come persone specializzate in esso e gli altri utenti interessati inizieranno a gravitare intorno a noi e a seguirci aumentando così il nostro potere comunicativo.

Come usarlo?

Prendo in prestito un frammento di un post di Luca Alagna (@ezekiel):
Twitter è mediamente più coinvolgente di Facebook perchè invita a una partecipazione più attiva.
si possono scegliere implicitamente almeno due livelli di partecipazione: come editori o come lettori.
Nel primo caso si può scegliere di contribuire attivamente al flusso di notizie (ribadisco, non necessariamente quelle giornalistiche), nel secondo si può decidere di essere prevalentemente lettori e diffusori (che non significa inattività o non scrivere mai nulla, è solo un tipo di impegno più moderato).

Continue reading

Identita’, amici ed estranei fidati nel web sociale.

Qualche giorno fa ho assistito ad un breve spot prodotto da non ricordo quale Ministero che raccontava una storia di cui si poteva immaginare la fine già dopo i primi 2 secondi di filmato. Purtroppo non lo trovo online per mostrarvelo ma posso brevemente raccontarvi che durante il filmato si vedeva una giovane ragazza che conosce un ragazzo su Facebook, inizia a scambiarsi dei messaggi con questo tipo fino a quando un giorno non decidono di incontrarsi e lui si rivela decisamente “poco galante”. La storia è a lieto fine e la ragazza viene salvata ma secondo me il modo in cui vengono ritratti gli strumenti sociali al pubblico televisivo (gran parte del quale è decisamente distante dall’avere una conoscenza completa di queste realtà) è sbagliato.

Nonostante ci sia molto da discutere su come alla TV tradizionale e al sistema di informazione legato ad essa (in particolare quella del belpaese) faccia gioco “remare contro” il web, vedere quello spot mi ha invogliato a tentare di chiarire un po’ ciò che riguarda le nostre identità digitali e il modo in cui nascono e vengono gestite relazioni personali e professionali (vecchie o nuove che siano) nel web sociale, questo perchè credo che ci sia ancora molta confusione in merito all’argomento.

Continue reading

Esplorando l’universo di Twitter

Chiunque sia un appassionato di Social Media dovrebbe conoscere Brian Solis, se così non fosse vi consiglio vivamente di iniziare a seguirlo perchè è una delle voci più influenti del settore (e a mio avviso anche delle più stimolanti).

Brian ha fatto coppia con l’agenzia JESS3 per ridisegnare la nuova versione del Twitterverse. Nel 2008 Brian aveva lavorato duramente per studiare ed organizzare le applicazioni disponibili per Twitter orientate al community management, al marketing, alla ricerca e così via. Come racconta sul suo blog personale, dopo aver iniziato ha curato e modificato la lista per diversi mesi ma le nuove applicazioni che venivano rilasciate erano troppe.

L’importanza e il peso dell’ecosistema di Twitter non possono essere sottovalutati e questa chiara e curata rappresentazione grafica delle più importanti applicazioni che ruotano intorno a questo servizio danno una buona percezione di quanto questo universo sia diventato grande. Twitterverse 1.0 è la nuova versione di una precedente infografica sviluppata circa un anno e mezzo fa, ora presenta un numero di applicazioni decisamente maggiore e sono divise in 19 orbite che rappresentano i diversi “scope” come branding, ricerca e geolocation.

Le sezioni in cui si divide l’infografica sono:

1: Branding
2: Geographics
3: Interest Graph
4: Dashboard
5: Event Management
6: Live Streaming
7: Geo Location
8: Relationships
9: Marketing and Advertising
10: Rich Media
11: Communication Management
12: Research and Analysis
13: Stream Management
14: Mobile Applications
15: Trends Ring
16: Social CRM
17: Influence and Resonance
18: Twitter Search
19: Causation

Le applicazioni sono veramente moltissime io non credo di arrivare neanche ad un decimo di tutte quelle elencate … e voi?

Continue reading

Le notifiche push di Twitter sono finalmente realta’ su iPhone e iPad

La notizia era stata data più di due mesi fa ormai ed avevo già trattato l’argomento qui. Finalmente sull’AppStore è disponibile un aggiornamento del client ufficiale di Twitter che implementa le notifiche push, novità che sarà a breve disponibile anche su Android e Windows Phone.

Continue reading