Innovation Camp 2010, here we go!

Tutto è più o meno pronto, domani parte l’Innovation Camp, una continuazione dell’esperienza formativa proposta dal gruppo di Innovation Lab. Questo progetto mira, attraverso un approccio originale che sarà spiegato nel seguito, a dare ai partecipanti:

  • una maggiore consapevolezza dell’importanza del proprio bagaglio culturale e delle proprie idee come elementi fondamentali per il loro sviluppo professionale;
  • una maggiore capacità di comprendere le dinamiche sociali ed economiche che sono alla base dei processi di investimento da parte di chi, come professione, finanzia innovazione (fondi di Venture Capital e Business Angels).

Amo tutto ciò che è innovazione, studio e seguo il panorama delle startup che nascono sul web e io stesso sto lavorando per crearne una mia, quindi mi sembra retorico dire che sono felice di poter partecipare al progetto. Farò parte di un gruppo selezionato di 20 partecipanti che saranno studenti universitari e, in misura minore, neo-laureati, giovani imprenditori e persone interessate allo sviluppo delle innovazioni di mercato, ma sopratutto con diversi background professionali in modo da garantire l’interdisciplinarietà delle conoscenze in campo.

Innovation Camp sarà ospitato presso il “Centro residenziale degli studi e delle ricerche dell’Università di Roma Tre” sito presso la ex base NATO di Allumiere. Durante la permanenza presso l’Innovation Camp, dovremo seguire dei seminari tenuti da specialisti, imprenditori, manager ed investitori sui temi dell’innovazione tecnologica e di mercato.


Sottolineo che nonostante il progetto preveda un gruppo selezionato di 20 partecipanti, tutti i seminari e i momenti di attività didattica sono aperti a chiunque sia interessato all’argomento. Per quanto mi sarà possibile (anche copertura 3G permettendo) farò una cronaca dell’iniziativa con un live twitting e su un articolo apposito sul blog, cercherò di darvi anticipazioni sul programma in modo che eventuali interessati possano venire a prendere parte a lezioni e seminari senza dover scendere alla cieca.

Verrano organizzati dei gruppi di lavoro (team) che avranno, nell’arco dei cinque giorni di permanenza, il compito di individuare e definire una idea innovativa (business idea) che sia, almeno in teoria, in possesso di tutte quelle caratteristiche che possono renderla potenzialmente attraente per degli investitori professionisti. Il lavoro di definizione della business idea che verrà svolto durante la permanenza sarà improntato al concetto di scrum development: in altri termini i partecipanti potranno e dovranno continuamente confrontarsi sia con gli altri partecipanti che con gli esperti che terranno i seminari, mentre il lavoro dei team verrà continuamente presentato e riveduto sia dagli altri studenti che dagli specialisti che coordineranno tutte le attività.

Un ulteriore stimolo alla competizione e al mantenimento della concentrazione sul progetto è dato dalla presenza di un premio: alla fine della settimana, infatti, il team che presenterà quella che un panel di esperti riterrà la migliore business idea avrà il diritto di partecipare alla prossima edizione di Startup Master di Gianluca Dettori.

Hanno confermato la loro presenza e supporto ad Innovation Camp come docenti e come giuria finale:

  • Gianmarco Carnovale: Imprenditore seriale (GoWare, WikiDemocracy, Morse.it, Widinet, STW Group), direttore sviluppo strategico e membro del CdA di Visionee
  • Paolo Cellini: Investment Manager del fondo di Venture Capital Innogest, consigliere di amministrazione di startup, docente LUISS. Precedentemente Vice President Walt Disney Europa e Seat Pagine Gialle e Direttore Generale Buffetti
  • Alessandra Chianese: Sociologa delle organizzazioni ed esperta in comunicazione pubblica, consulente sulla riorganizzazione aziendale ed il sistema Qualità, sulla gestione delle risorse umane e sui temi della comunicazione. Presidente dell’Associazione Europea per i Diritti Civili
  • Augusto Coppola: Imprenditore seriale, advisor di startup, consulente su imprenditoria ed innovazione per enti pubblici e privati
  • Roberto Giuliani: Responsabile Incubatore ITech di BIC Lazio
  • Eugenio La Mesa: Imprenditore seriale, CEO Cure2Children
  • Alberto Mattiacci: Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese presso la Facoltà de La Sapienza di Roma. Coordinatore master www.mumm.it. Membro del Consiglio di Presidenza della Società Italiana Marketing, Direttore scientifico del canale web MarketingTube
  • Paolo Merialdo: Professore associato presso la Facoltà di Ingegneria di Roma Tre, docente dei corsi di “Programmazione Orientata agli Oggetti” e “Gestione delle informazioni su Web”, co-fondatore dello spin-off accademico CHI Technologies
  • Stefano Passatordi: Imprenditore, fondatore di Ibrii
  • Lino Picheo: Fondatore del fondo di investimento Active Partners ed imprenditore. Precedenti esperienze come dirigente in Sun Microsystem Italia
  • Stefano Bernardi: Investment Manager del fondo di Venture Capital DPixel, imprenditore fondatore di GoWar, Hosteeo, Upstart, articolista TechCrunch, redattore TheStartup
  • Carlo Alberto Pratesi: Professore ordinario presso la Facoltà di Economia di Roma Tre, docente dei corsi di “Marketing” e “Marketing ambientale e territoriale”, articolista La Repubblica, consulente INA Assitalia ed UniCredit, responsabile scientifico Nokia University Program
  • Clara Tosi Pamphili: Direttore Didattico Accademia di Costume e di Moda

Il Faggeto di Allumiere

This entry was posted in Innovation, startup and tagged , , , , , on by .

About Giuliano

An entrepreneur and software engineer who loves internet products. PR and Influencer by nature. Part-time professor. 8 years of experience in project management and software development. I had the opportunity to delve into several specialties: project management, product management, customer development and online communication. I'm now 24/7 committed on Stamplay, a startup I co-founded that will be a life changer for every web designer on earth.

  • Pingback: Innovation Camp un successo a 360 gradi! | Giuliano Iacobelli

  • http://giulianoiacobelli.com Giuliano Iacobelli

    Ciao Marina,
    si assolutamente, la startup ha un tema libero quindi non farti problemi a presentare la tua idea! :)
    La cosa che conta di piu e’ la presentazione dell’idea stessa e le concrete possibilita di sviluppo e scalabilita del modello di business.
    conto di vederti presentare la tua idea allora :)