Il valore della partecipazione dal mondo digitale a quello analogico

Partecipazione.

Questa è la parola che riassume meglio i vari aspetti che ruotano intorno all’utilizzo dei Social Media. Condivisione, collaborazione, comunicazione, interazione e connessione sono solo alcuni esempi dei numerosi principi su cui si basa l’attività di qualunque utente in possesso di un profilo su uno dei tanti social network che il web mette a disposizione.

Come ho già accennato in un precedente post, i tempi in cui essere “online” era sinonimo di isolamento e solitudine sono lontani. Ogni giorno abbiamo nelle nostre mani uno strumento, Internet, di cui spesso viene sottovalutato o addirittura ignorato l’enorme potenziale. Partecipare attivamente sul web permette di entrare in contatto con un innumerevole numero di persone in tutto il mondo che hanno i nostri stessi interessi, persone con cui condividere e scambiare idee e opinioni, persone da cui imparare e con cui arricchire le nostre conoscenze o persone a cui dare consiglio e offrire un aiuto. Questo ha un importantissimo risvolto anche nell’ ambito lavorativo, un ambito in cui questa partecipazione si tramuta spesso in nuove opportunità e nuove collaborazioni. Un blog personale, Twitter e i gruppi di Linkedin sono alcuni dei maggiori luoghi d’incontro online in cui possono nascere nuove sinergie con gli altri utenti che popolano la rete.

Sono passati solo quattro mesi da quando ho iniziato a conoscere in modo più approfondito questo mondo e già faccio fatica ad elencare tutte le cose che ho imparato, tutte le nuove ispirazioni (o folgorazioni) che ho avuto ma sopratutto tutte le nuove fantastiche persone che ho conosciuto. Sì, è proprio questo il punto, le persone. Perchè in fondo il vero scopo dei social network è questo, connettere le persone, facilitare l’instaurazione di nuove relazioni le cui basi sono spesso gli interessi comuni. Persone che chissà quante volte potremmo aver incrociato ed ignorato girando per le strade per poi scoprirle tra un click ed un altro (o un touch e un altro, ;) ) mentre siamo a casa, in ufficio o all’università, e mentre in passato poteva essere imbarazzante o poco naturale incontrare nel mondo analogico qualcuno conosciuto in rete oggi è tutto più facile grazie agli eventi Geek.

Gli eventi che radunano utenti appassionati di cultura digitale sono sempre di più in Italia e continuano ad acquistare notorietà e successo. Questi incontri si configurano in moltissimi format diversi come ad esempio l’Ignite, il Barcamp, lo Speed Meeting, la Startup Night, l’ Elevator Pitch (vi anticipo l’imminente MashupDrink), che possono essere raggruppati sotto la definizione di “eventi Geek”, vi invito a leggere questo breve articolo di Nicola Mattina per avere un idea di come sono strutturati alcuni di questi format e capire quale può fare di più al caso vostro.

Questi badge sono reali, e almeno per ora non si trovano su Foursquare :)

Nonostante i format e i nomi differenti, ci tengo a sottolineare due aspetti che fanno da minimo comune denominatore: l’informalità degli incontri e del confronto e il rapporto paritetico tra gli interlocutori. Questi eventi oltre ad essere grandi opportunità per fare networking sono anche ottime occasioni per un po di formazione professionale a costo zero, il pubblico di questi eventi è estremamente diversificato e va da sviluppatori a esperti di marketing, da investitori a grafici e creativi, dai curiosi agli scettici, ed è proprio questo mix di competenze unito all’aria di entusiasmo e di grande apertura alla partecipazione e alla condivisione di idee che crea delle opportunità di raccogliere nuovi stimoli per un ampia gamma di profili professionali.

Gli interessati aggiungano subito il sito GeekAgenda.com alla propria lista degli indirizzi preferiti. E’ un sito che raccoglie e censisce tutti gli eventi Geek in Italia permettendo di rimanere costantemente aggiornati su tutti i possibili eventi in cui la cultura digitale la fa da padrona, inoltre GeekAgenda privilegia la gratuità e quindi la possibilità di formarsi ed informarsi in modo aperto; promuove barcamp, garage e workshop nei quali si parla di web, social network, innovazione e sviluppo di nuove dimensioni della comunicazione.

Vorrei chiudere l’articolo salutando alcune delle persone che ho avuto modo di conoscere in questo breve periodo in cui ho iniziato a PARTECIPARE attivamente nel mondo dei social media, persone brillanti come (per citarne alcuni): Fabio Lalli, Nicola Mattina, Marco Montemagno, Andrea VascellariLeandro Agrò, Alessio Jacona, David Funaro, Linnea Passaler, Giorgio Marandola, Lorenzo Setale e Alessandro Prunesti.

This entry was posted in Geek, Internet, Social Media and tagged , , , , , on by .

About admin

An entrepreneur and software engineer who loves internet products. PR and Influencer by nature. Part-time professor. 8 years of experience in project management and software development. I had the opportunity to delve into several specialties: project management, product management, customer development and online communication. I'm now 24/7 committed on Stamplay, a startup I co-founded that will be a life changer for every web designer on earth.